Lucas Ilhein : Gianna Murazzo

in

lucus or lucas
mi piace tantissimo la tua idea-realizzazione di
queste magliette! avevo visto
delle tue t-shirt anche in un altro sito su un tuo
progetto; sono le stesse?
se permetti, !, ti scrivo quello che il tuo
progetto mi spinge a pensare come idea matrice,
idea-madre: penso che la tua scelta , cosl
forbitamente (=astutamente, nel senso buono! ),
diretta, di un messaggio, apparentemente semplice,
con una scritta rossa su maglietta bianca (i colori
+ diretti e semplici), con questi luoghi comuni
sfrontatamente evidenziati, h una buona idea.
: non solo perchh ha in sh un senso di universalit`
= di includere + popoli, quindi senso di
internazionalit`, (+ persone che vedono la tua
opera, se questi sono di paesi diversi, possono
scherzarci su a ritrovare il proprio Paese, )
ma poi per un messaggio + profondo, voglia di
conoscere i vari popoli (magari) e di andare aldil`
dei luoghi comuni, (o no?)
e poi questo prendere un luogo comune per
ironizzarlo, annullarlo, cosa a cui porta lo
scriverlo;perchh il "rosso" "mgs" non pur essere che
per mettere in evidenza la banalit` e l'ignoranza
che si nasconde dietro ad ogni generalizzazione.
...........inter....me......zzo........
wisher.........
ma lasciando lo sguardo critico e "acido", che ogni
dito a scavare trae.................. io vedo in
questi luoghi comuni anche un comico voler
raccontare, voler avvicinare.... gi` perchh se non h
vero che tutti i giapponesi sono industrializzati o
che tutti i libici sono terroristi ((-naturallement
no, tu le connai bien-!- )) o che tutti gli
spagnoli sono pigri, eccetera eccetera eccetera, in
tutto questo ch un qualcosa che d` un'impronta di
personalit`, impronta che d` qualcosa di un popolo,
chh se uno nasce in un posto anzichh un altro di
conseguenze ce n'h tante, e lo si sa!, allora c'h
qualcosa che in questi luoghi fa sorridere e magari
proprio perchh tu ne sei la esatta prova vivente
contraria!
non voglio aggiungere pesantezza alla nuvola bianca
che mi hai parato dinnanzi...
la mia visione h immagino molto banale, mea culpa!
comunque mi piace tanto l'uso che fai e hai fatto
delle parole stampate nella tua arte.. h un modo
diretto di inviare un messaggio, per nulla banale,
nel tuo caso. c'h una freschezza e una serenit` in
cir che fai, che io ammiro.
tante volte l'arte contemporanea per smuovere lo
spettatore cosl ormai amorfo da tutto (sono immense
le cose che lo raggiungono, circondano, bersagliano
ogni giorno) bh per prendere attenzione deve
produrre shoch! e molto spesso h molto pesante
quello che propongono, pesante nel senso di
sofferente, aggiungono cioh sofferenza e
disagio...il che a volte va bene, non dico no. ma
tante volte h solo fumo di zolfo per dare l'idea che
si h vicino a una miniera, che perr non h mai
esistita...
i'm sorry i'm writing long long and not clear(maybe)
speach (discorso)
fammi sapere se le critiche che hai avuto per il tuo
lavoro sono state buone e se tu sei soddisfatto di
esso, e di esse.

un fumoso saluto ,[e con le farfalle color di zolfo
della campagna in ottobre di Virginia wolf,]

g
Ps:il cantautore h paolo conte, italiano , famoso
dapprima in francia, poi in italia. per me un
grande. ma anche vincent gallo, genere completamente
diverso, non scherza!
per filosofia della musica stiamo studiando il
femminismo in musica e il fatto che per tanto tempo
non ci sono state compositrici donne (ci avevi mai
pensato? le donne studiavano musica poco e solo per
l'ambiente familiare) e poi abbiamo trattato di
alcune compositrici del primo '900 e met` '900.
adesso mi piacerebbe percorrere la storia
dell'artista Laurie anderson, che francamente non
cononsco, se non come immagine di
performer...........................................
.................parole parole parole...............
ciao ciao

Gianna Murazzo